Il mulino

Dentro i mulini il grano si trasforma in farina; e con acqua e farina si fa il pane, cioè si garantisce la sopravvivenza di una Comunità.

Soliera tuttavia, sebbene al centro di un territorio agricolo, per molto tempo non ha avuto un suo mulino, ed è dovuta ricorrere a mulini posti fuori dal suo distretto, a Carpi soprattutto, o a Modena.

I mulini del nostro territorio, almeno fino alla metà del ‘900 del secolo scorso, funzionavano prevalentemente ad acqua.

Quelli di terra, presenti anche in città (come quelli di San Pietro o di San Giorgio a Modena), erano alimentati da canali (ad esempio il canale di Carpi) di derivazioni dei fiumi Secchia o Panaro.

Quelli natanti erano posti direttamente sul corso del fiume: famosi erano fino agli inizi del ‘900 del secolo scorso erano quelli di Concordia sulla Secchia, che macinavano anche il grano coltivato a Mirandola.

La costruzione di un efficiente impianto idraulico di molitura in zone servite da corsi d’acqua a flusso non costante come il nostro territorio (i corsi d’acqua appenninici come la Secchia e il Panaro alternano fortissime magre estive a imponenti piene primaverili e soprattutto autunnali) era un’impresa difficile e costosa.

Oltre alle spese per la costruzione del fabbricato e della sua manutenzione, era necessario ottenere il diritto giuridico allo sfruttamento dell’acqua.

Ne deriva che la possibilità di edificarli era alla portata solo di famiglie ricche. Inoltre per realizzare quella che oggi chiamiamo “economia di scala” occorreva macinare un quantitativo di grano abbastanza rilevante…

Il mugnaio era, nella società rurale, non solo una persona addetta alle mansioni di fatica, ma una figura di rilievo nella Comunità, un vero e proprio funzionario; tuttavia la sua non era vita facile.

Tornando a Soliera, l’unico esempio di mulino ad acqua presente nel territorio, anche se la sua attività è stata molto breve, fu il mulino Coccapani, in località Bassana.

Non fu facile, nel 1623, per il conte Guido Coccapani ottenere il permesso di derivare l’acqua del fiume Secchia per alimentare il suo mulino, che funzionò solo per pochi anni, fino al 1674.

Il canale di derivazione rimase però attivo almeno fino a tutto il secolo XVIII, e fu impiegato per scopi irrigui.

Oggi la sua esistenza è ricordata dal toponimo della via Canale, la strada che costeggia l’argine sinistro della Secchia dalla omonima località e conduce a Sozzigalli.

Bisogna attendere fino al 1906 per ritrovare un mulino a Soliera, costruito dalla famiglia Bernini, appena fuori le mura, all’incrocio del secondo accesso al borgo con la via Corte (ora questo tratto si chiama via Grandi), che lo gestì in proprio almeno fino al secondo dopoguerra e costruì il vicino forno.

Subentrarono poi altri nella gestione fra cui la Cooperativa Agricola di Soliera e infine Contini. Sul finire degli anni ’70 del secolo scorso, il mulino cessò la sua attività, e nel 1980 l’edificio fu acquistato dal Comune, che lo ristrutturò e lo adibì a Centro Servizio Polivalente che reca il nome de “Il Mulino”.

Il logo del Centro, divenuto oggi un luogo in cui si macina cultura, raffigura un mulino a vento, ma non rispecchia la tipologia dell’originario opificio, che inizialmente funzionava a vapore, ed era alimentato da un rumoroso motore a gasolio, attivo anche di notte, che disturbava il sonno della Comunità solierese.

Le proteste cessarono quando, per un diffuso impiego della energia elettrica come forza motrice, fu appunto dotato di macchinari elettrici.

Si racconta che...

LO SPAZIO GIOVANI
Daniele Righi

Ho iniziato il mio ruolo di operatore dello Spazio Giovani di Soliera nel 1997, un anno  dopo che il servizio venne inaugurato. Nel 1996 infatti quella che era stata la Fonoteca Comunale, frequentata assiduamente dagli adolescenti solieresi, divenne un centro di aggregazione giovanile

CONTINUA

LA LUDOTECA
Enrico Selmi

Nel settembre del 2002 ebbe inizio la mia "avventura" in ludoteca al Mulino (oggi Ludò) al fianco dell'allora ludotecaria Elisa Leoni. Accettai tale incarico principalmente per 3 ragioni:

  • la mia passione per i bambini
  • la sfida di affrontare una nuova esperienza a me totalmente sconosciuta
  • ....e perché bisogna pur campare

CONTINUA

Al Mulino nasce la nostra scrittura
gruppo Scrivere sull’argine

Nasce così, in seno all’associazione “Università della Libera Età Natalia Ginzburg” il gruppo “Scrivere sull’Argine”.

CONTINUA

Circolo Culturale Il Mulino
Fabrizio Malavasi

Nei primi mesi del 1983 il “fermento” giovanile solierese, preso atto della mancanza di spazi, sia fisici che culturali, prende l’aspetto di un circolo culturale.

CONTINUA

Quattordici anni di cultura a Soliera
Mauro Arletti

In queste mie note tratterò quindi del periodo di 14 anni che va dal 1996 al 2009.

CONTINUA

Passeggiata breve
Emanuela Corradini

In quella pianura graziata da giorni di vento, Lucia stava, assorta. Vedeva intorno a sé figure ferme, in attesa, alcune col naso all'insù a osservare il castello, qualcuna in movimento lungo la via sopra il ponte.

CONTINUA

Quando Soliera incontrò Guccini
Odo Semellini

Il 9 luglio del 1990 segna una data importante nella mia vita: è in quel giorno, infatti, che iniziai a lavorare come operatore culturale presso il Comune di Soliera.

CONTINUA

Eterna primavera
Chiara Fiorani

Mi porge un vassoietto delicatamente incartato in una velina rossa. Apro e trovo delle mezzelune fritte che, quel giorno, ho scoperto essere i famosi tortelli modenesi!

CONTINUA

Esploriamo...

Tutti gli uomini di Gemma

Le ragazze del semicerchio in "Tutti gli uomini di Gemma". Soliera, 16 marzo 2014.

CONTINUA

Gemma e il suo viaggio

Le ragazze del semicerchio in "Gemma e il suo viaggio". Soliera, 17 marzo 2013.

CONTINUA

Scrivere sull’Argine

Progetto Scrivere sull'Argine

CONTINUA

Laboratorio di scrittura autobiografica/narrativa

Percorso di scrittura a cura di Università Libera Età Natalia Ginzburg, anno 2013.

CONTINUA